1Cosa succede in caso di infortunio, morte o di perdita del posto di lavoro?
Nei casi sopracitati e secondo quanto specificato nel contratto di assicurazione sottoscritto il cliente garantisce il rimborso del prestito tramite il TFR maturato e la specifica polizza assicurativa. Generalmente non è richiesta nessun'altra garanzia propria o di terzi, nè con fideiussioni nè con effetti cambiari.
2Quanto tempo occorrerà per avere l’importo da me richiesto ?
Le tempistiche medie di evasione della pratica variano da 7 a 15 giorni lavorativi
3Come avviene il rimborso del Prestito ?
Il pagamento delle rate viene effettuato direttamente dalla Sua amministrazione che ogni mese versa al nostro istituto bancario, l’importo corrispondente alla rata da Lei scelta. L’addebito sulla Sua busta paga è completamento gratuito. A differenza del rimborso del Prestito Personale che avviene sul Suo conto corrente e per cui le addebitano il costo del rid. ( circa 2,00 € a rata )
4Quanto posso richiedere con il mio stipendio ?
Per analizzare al meglio la Sua posizione dobbiamo visionare la Sua Busta Paga o Cedolino di Pensione. In linea di massima può spendere mensilmente una rata pari al Quinto della Sua retribuzione per un massimo di 10 anni.
5Ho già una Cessione del V° in corso, cosa si può fare ?
Chi ha già una cessione del quinto può rinnovare la stessa oppure, nel caso in cui l’operazione di rinnovo non dia l’importo necessario, affiancare un prestito con delega. L’operazione di rinnovo consiste nell’attivare una nuova cessione, trattenere dal finanziamento il debito residuo del precedente finanziamento ed erogare al cliente la differenza, sempre che sia stato pagato almeno il 40% del finanziamento precedente. La maggior parte delle persone rinnova costantemente il proprio finanziamento al fine di ottenere della liquidità e di aggiornare il tasso dell’operazione
6E’ possibile avere un acconto sul mio finanziamento ?
Certo, possiamo erogarLe un acconto di massimo 5 mila € in brevissimo tempo, circa due giorni. L’importo sarà scalato dalla liquidazione finale.
7Il mio datore di lavoro può opporsi alla mia richiesta di finanziamento ?
No assolutamente, il Suo datore di lavoro è obbligato dalla legge statale ( DPR 180/1950 ) ad accettare la Sua richiesta.
8Ho un Pignoramento in busta paga, posso ottenere comunque la Cessione del V° ?
Si certo, la Cessione del V° può essere affiancata al pignoramento nel rispetto del V° cedibile massimo.
9Sono un dipendente pubblico/privato con Cessione in corso non rinnovabile. Che posso fare ?
Può attivare una Delegazione di Pagamento. Il prestito ha le stesse caratteristiche della CQS a differenza che è necessario avere obbligatoriamente, una Convenzione con l’ente pubblico o l’azienda per la quale presta servizio. La rata massima sarà, come nella cessione, nel rispetto del V° cedibile così come l’ammortamento massimo, 10 anni. (sempre nel rispetto dei limiti pensionistici imposti dalle assicurazioni)
10Cos’è il Doppio Quinto ?
Quando si parla di doppio quinto in realtà ci si riferisce ad un prestito con delega di pagamento: una forma di finanziamento che può aggiungersi alla cessione del quinto. Ammettiamo di aver già ottenuto una cessione del quinto in busta paga, possiamo ottenere un'ulteriore prestito, la cui rata inciderà al massimo per un altro quinto del nostro stipendio con un prestito delega. Le singole rate della cessione e della delega non possono eccedere ciascuna il 20% dello stipendio, quindi in totale non più del 40%.
11Ho avuto dei disguidi finanziari, sono pignorato / protestato, posso ottenere la CQS ?
Si assolutamente.
12E’ possibile estinguere anticipatamente la Cessione del V°
E’ possibile estinguere il finanziamento già dopo la prima rata. Basta fare una richiesta scritta all’Istituto finanziatore allegando documento d’identità e codice fiscale.
13Cos'è la rata? Cos'è un piano di ammortamento?
Le rate rappresentano le parti in cui viene divisa la quota interessi e la quota capitale dovuta per l'ammortamento (estinzione graduale) del debito. Le rate vanno versate a intervalli determinati ed uguali nel tempo e costituiscono il cosiddetto piano di ammortamento. Ogni rata ha dunque due componenti: restituzione del capitale e pagamento degli interessi. Il rapporto fra i due elementi che compongono le singole rate varia continuamente e la riduzione del capitale avviene in modo progressivo: inizialmente si pagano soprattutto interessi; a mano a mano che il capitale viene restituito l'ammontare degli interessi diminuisce e la quota di capitale aumenta.
1CHI LA PUÒ RICHIEDERE ? :
Questa tipologia di finanziamento può essere richiesta da : • Dipendenti Pubblici e Statali; • Dipendenti Privati; • Pensionati. Nel caso di lavoratori dipendenti il contratto deve essere a tempo indeterminato ed esiste inoltre un’anzianità lavorativa minima, che varia a seconda della compagnia assicurativa che fornisce la polizza e che generalmente è di qualche mese. Di norma anche l’azienda presso cui il richiedente lavora deve soddisfare alcuni criteri di ammissibilità (ad es. un numero minimo di dipendenti (16 DIPENDENTI), un capitale sociale superiore ad un minimo stabilito, etc.), valutati in sede di delibera della richiesta.
2GARANZIE E COPERTURE ASSICURATIVE :
La particolare struttura di questo tipo di finanziamento non prevede che il richiedente presenti delle garanzie reali; tuttavia l’operazione trova una qualche forma di garanzia nel TFR maturato dal dipendente o nella pensione spettante al pensionato che hanno una funzione di tutela per il finanziatore di fronte al rischio di perdita del lavoro, di infortunio oppure del rischio vita. E’ prevista inoltre la sottoscrizione obbligatoria di un’assicurazione rischio vita e/o rischio impiego che garantisca, in caso di mancato pagamento, la copertura dell’importo ancora dovuto eventualmente eccedente il TFR cumulato. Il costo relativo alle coperture assicurative viene trattenuto direttamente dall’Istituto finanziatore, il quale erogherà al richiedente un importo al netto dei suddetti costi. La normativa di riferimento, al fine di salvaguardare le garanzie, prevede che il debitore, non possa chiedere anticipi sul trattamento di fine rapporto (TFR) per l'intera durata del finanziamento.
3• Garanzie e Coperture Assicurative
Per richiedere una cessione del V° è necessario presentare garanzie ?
4• I Vantaggi della Cessione del V°
Quali sono i vantaggi di questo finanziamento ? e quali le differenze con il Prestito Personale
5I DOCUMENTI NECESSARI PER RICHIEDERE LA CESSIONE DEL V° :
Questa forma di contratto prevede una modulistica che varia a seconda della categoria dei soggetti interessati (pubblica amministrazione, ente pubblico o privato, ente pensionistico, compagnia assicuratrice). Il richiedente deve in ogni caso fornire, oltre ai propri dati anagrafici e personali, alcuni allegati che consentano di definire la sua posizione lavorativa (o pensionistica) e reddituale: • il certificato di stipendio (solo nel caso di lavoratori dipendenti), fornito dall’amministrazione della propria azienda o ente: riporta la data di assunzione, la retribuzione lorda e netta (annua e mensile), il TFR maturato, le eventuali trattenute o pignoramenti già presenti sullo stipendio; • l’ultima busta paga (o il cedolino pensione nel caso di richiedenti pensionati); • il benestare dell’azienda, che si impegna ad effettuare puntualmente i pagamenti (richiesto direttamente dall’Istituto finanziatore al tuo datore di lavoro, attraverso la notifica del contratto di finanziamento). Il richiedente dovrà inoltre firmare opportuna delega a favore del datore di lavoro a prelevare mensilmente dallo stipendio l’importo necessario al rimborso delle rate.
6I VANTAGGI DELLA CESSIONE DEL QUINTO :
Uno dei vantaggi principali della cessione del quinto sta nel fatto che trattandosi di un’operazione di credito in qualche modo garantita, lascia all’Istituto finanziatore parecchia flessibilità nella valutazione delle richieste. Una volta garantito il rispetto dei requisiti di ammissibilità, tanto del richiedente quanto dell’azienda per cui lavora (nel caso di lavoratori dipendenti), la probabilità di vedersi accordare il prestito è infatti piuttosto alta. Le garanzie, unitamente all’automaticità dei pagamenti, rendono l’operazione abbastanza sicura per il finanziatore, che di conseguenza potrà concedere finanziamenti anche a persone con una storia creditizia non perfetta a causa della quale difficilmente avrebbero accesso a forme alternative di finanziamento (come i prestiti personali). Un secondo vantaggio deriva dal fatto che l’importo massimo del finanziamento è connesso sia al livello di retribuzione che all’anzianità lavorativa del richiedente, cosa che consente in taluni casi di finanziare importi considerevoli.
7L’IMPORTO DEL FINANZIAMENTO :
L’ammontare massimo del prestito dipende direttamente da: • Anni di anzianità lavorativa; • TFR cumulato; • Importo della retribuzione o della pensione mensile. Infatti, maggiori saranno gli anni di anzianità lavorativa, maggiore sarà il TFR maturato, di conseguenza l’Istituto finanziario, di fronte ad una più ampia garanzia sarà disposto a concedere importi più elevati. Inoltre, poiché il rimborso mensile deve essere inferiore alla quinta parte dello stipendio, quanto maggiore sarà la retribuzione o la pensione riscossa, tanto maggiore sarà la rata mensile sostenibile, altro fattore che rende possibile l’erogazione di somme più elevate.
8RITARDATO PAGAMENTO E RISOLUZIONE DEL CONTRATTO :
Nel caso di ritardo nel pagamento anche di una sola rata, attribuibile a qualsiasi causa, saranno dovuti sull’importo non pagato gli interessi di mora convenuti nel contratto. Qualora si verifichino la cessazione del rapporto di lavoro, o la sospensione o riduzione dello stipendio (così come nel caso di ritardato pagamento), l’Istituto finanziatore potrà considerare risolto il contratto, questo indipendentemente dalla stipulazione della prevista polizza assicurativa. In conseguenza della risoluzione, l’assicurazione si avvale della garanzia sul TFR ed in caso di eccedenze, il cliente è tenuto a rimborsare il debito residuo.
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Hai bisogno di aiuto?

0 operatori online

Chiudi

Inserisci la tua email e premi invio per ricevere le risposte direttamente nella tua mail